O’ sole mio

Senza dubbio la più celebre canzone napoletana ed al tempo stesso una delle più evocative icone della cultura italiana nel mondo.
La musica fu composta nel 1898 da Eduardo di Capua durante un viaggio in Ucraina su dei versi che a Napoli il poeta Giovanni Capurro gli aveva affidato prima della partenza. Si racconta che un giorno, di Capua, vedendo il sole del Mar Nero riflettersi sulla finestra dell’albergo, preso dalla nostalgia per il “suo” sole napoletano, trovò l’ispirazione per comporre il tema centrale della famosa melodia.

O’ sole mio
(Testo di Giovanni Capurro, musica di Eduardo di Capua , 1898)

    Che bella cosa na jurnata 'e sole,
    N'aria serena doppo a na tempesta!
    Pe' ll'aria fresca pare giá na festa,
    Che bella cosa na jurnata 'e sole!

    Ma n'atu sole
    cchiù bello, oje né',
    'o sole mio,
    sta 'nfronte a te...
    'O sole,
    'o sole mio,
    sta 'nfronte a te...
    sta 'nfronte a te!

    Lùceno 'e llastre d''a fenesta toja;
    na lavannara canta e se ne vanta
    e pe' tramente torce, spanne e canta,
    lùceno 'e llastre d''a fenesta toja

    Ma n'atu sole
    cchiù bello, oje né',
    [refrain ..........]

    Quanno fa notte e 'o sole se ne scenne,
    mme vène quase na malincunia...
    sott''a fenesta toja restarría,
    quanno fa notte e 'o sole se ne scenne.

    Ma n'atu sole
    cchiù bello, oje né',
    [refrain ..........]

Tu sei qui: Home > Napoli > Cultura > Canzone napoletana > O’ sole mio




Deal Nazionale 160x600