Poesie napoletane di Armando Torre

Nato a Napoli nel 1930, emigrato nel 1958 dopo il servizio militare negli U.S.A. pittore, scultore, poeta e a N.Y. dirige la sue galleria d'arte, esegue restauri su antichita' e pitture. Da giovane freguento' mostre d'arte a Napoli e conobbe a quel tempo la famosa Titina De Filippo e suo fratello Eduardo, dove nacque la passione per la poesia. Ebbe come maestri De Chirico, Ciro Arnese, Giuseppe Garigliani, Nicola Ascione, Guglielmo Migliore e molti altri del tempo. Fino al 1958 lavor come capo reparto nelle principali fabbriche di ceramiche artistiche di Capodimonte.
Le sue poesie sono ricordi di Napoli e della sua fanciullezza nel dopo guerra.

'O SCUPATORE

Io me chiamme Salvatore
p''o quartiere s Tatore
e me sanno tutte quante
a quann'ero piccerillo.

Tengo posto  scupatore
nu mestiere bello assaje,
pure pateme  bonanema
era pure scupatore,

e pircio' p chisto fatto
tutte cercano  Tatore.
Pap mio che piezzo d'omme
senza offesa nonno mio,

te scupava n rione
senza ajuto Don Vici,
ma m munnezza chi ta' d
rifiute add st cchi ?

Chelle tutto n'apparenza
porta scopa p bellezza
sott'o vraccio che grandezza
e na cosa d guard.

Se p aus pure pe 'mbrello,
'o p sole si scuttante.
Chillo guaje mio stipendio,
ca nun danno maje aumento.

e pircio' nun m'affatico
me ne vaco musce , musce
pare dorme nun reagisco
e passe tiempo lisce, pasce.

Chille guaje Peppenella
che s'aunisce c Ninuccia
si a nepote Rafiluccio
chella e vasce e palazzelle

ne truvate castagnelle,
e pircio' s f munnezza
e p cercano e Tatore
senza core sti scuntrose.

Luisella stiratrice
ca se lagna tutt juorne
dice arriva sfaticato
maje pulezza f leccato.

Sente ggente a dint'e vasce
gu Tat ma quanne scupe ?
'A munnezza chella aspetta
e che faccio dico n ?

Ma si pulezze che bellezza,
n''a cosa d'ammir
pare scopa quase vola
nun c moda p ferm.

M figliole a fore vasce
fanno gara pe guard,
danne sguarde veramente
ca so cosa da' squagli ,

po' me danno resatella
cu' chill'uocchie lacertelle,
rosse. sosse s e vucchelle
assaje cchi doce de perelle,

che capille scapigliate,
sente dicere Tat
viene a cc t'aggi parl,
io sapiente facci fesso

p decido c'aggi f ?
Lasce scope p mez'ora
e m'ammocca dint'e ll
tu po vire 'ngrifa gallo

chiure porta e scope ll .

'A SPESA

Armanducce belle 'e mamma
ma vu f nu poco e spesa,
piglie pane da Tuccillo
e n chile pummarole
tanto pasta gi c st.

Mo te donghe a cinche lire
statte attiente add a miette
nun a perdere p''a via.
M arrivato a st mercato

add folla gi ce st
che frastuone, c'ammuine,
st mercato ognie matina,
tanta ggente che te votta

st chi sceglie, chi s piglie,
e chi s n'abuse d scubiglio.
Tanta frutta, mille sporte
c carretto ciucciarielle.

Stanne tutte a sbari,
na pusteggia de mellune,
tr n Turco e n Maltese,
tutte cercano camp.

Siente voce de cummare
acalate st panaro,
s sperduto na criatura
proprie ll sott Pretura,

Vire a mamma c gi allucca.
St mercato San.Antuone
s f sempe cchi scialone
mentre e panne vonne asciutt.

Che festino s e barcune,
chine pennele mellune,
strisce sole strafuttente,
nun arrive s ne v.

E'arrivata n pusteggia
p'appar confusione,
Tarantola rampeggia,
tr na sporta 'e n bab.

Passe pure Bellumunne,
e cchi tarde prucessione
beneritto San Gennaro
chillo vute tu mj f.

Tanta ggente ma che folla,
chi t'allucca, chi te strille,
tr canarie sti cardille,
cchiu' nun trove 'a cinche lire.

'E arrivato Pulecenella
aunite Pazzariello
che tamborre,e pazzielle.
'O mercato San. Antuono

add tutto pu truv
add tutto pu accatt,
na gallina,n pullasto,
'o nu gallo che f l'ove.

Na'siloca , na vammana,
stanne sempe a te serv.
Passe muorte e munacelle
passe Vescovo 'n gonnella.

Siente fischio d''o vapore
nocelline Americane fighedindie,
bbrore  purpe ,
tengo lampeda p''a notte.

Tra' vetrine bancarelle
maje nun manca n'espressino,
pasticciotte, sfugliatelle
comme zite gi prenelle.

Tengo lampada p''a notte
ve pigliate carruzza
'o vulite nu tass ?
Pure 'o lotto st affarato,

siete ggente c se'sonna
famme grazzia, c nu terno
San.Genn famme appar .
Torne casa senza ssorde

e mamm me st'aspett,
che paliate chella vota
non m pozzo cchi scurd.


'A MAMMA

Chi tene 'a mamma si che furtunato,
pecch na mamma vale nu tesoro
nun 'mborta ca tenesse pate ssore
mamma n'ata cosa,
na cosa eccezzionale difficele a spieg.
Essa ca sempe veglia, essa ca spia sempe,
essa ca sape tutto, senza l'addumann .
'A mamma na gendarma ca patria nun p d,
e quanne sta' in pericolo a primma che si chiamme
sempe chella ll.
'A mamma na putenza a nun put emit,
a mamma na sapienza ca l'arte nun p f.


'E VERMICIELLE A VONGOLE

Che smania che me vene sempe a chest'ora,
e na mania ca non me f camp,
io pe' tutta l'aria sento gi n'addore
chillo prefume ca nun s p spieg.
Passanne sempe stessa tratturia,
da fore gi m'acchiappa fantasia,
chillo prefume mare, frugulio,
m mengo dint'o comme na malia.
E stessa storia ormaje s seje semmane
c ghiesco trase stngo sempe cc,
stesso piatto manco farle apposta
stessa spaghettate frutte e mare.
Che cerassella pare pummarola
pare c sfotte affianche l'aglietiello
cchi sotto tutto verde  pretusino,
gu s s accucchiate tutte tr vicine ?
L'italia,v che bandiera ca facite aunite.
Atturcigliate tr vonghele verace
ma chisto nun nu pranzo,ma n''a pittura
ca tene p pennielle na furchetta.
C'addore derba mare vuje verite
ca sule si pruvate quase murite.
Dateme n''a 'nzalatiere vermicielle vongole
add se senta mare l'aglio int''a chell'uoglie,
n''a frunulella pretusine frisco
n''a vranca pummarole facci mazzo
st piato sacro pare c fa 'ncant,
st'addore mare de vongole verace
sempe me st'add viene dimane.

Altre poesie napoletane

Tu sei qui: Home > Napoli > Cultura > Poesia napoletana > Raccolta di poesie napoletane > Armando Torre