La sceneggiata (II)

Oggi la sceneggiata in declino sia da un punto di vista teatrale che cinematografico e tutt’ora essa considerata dalla critica letteraria un genere vile, ma tra le tante canzoni della sceneggiata noi ne citiamo qualcuna per ricordare come esse anni addietro hanno appassionato il popolo napoletano che lieti accorrevano presso i teatri Trianon e San Ferdinando per assistere alla commovente rappresentazione.
Lacreme Napulitane, 'O Paese d' 'o sole, Chiove, Passione, Guapperia e I Figlie, sono tutti testi scritti da Bovio, i cui versi “Scetateve guaglione ‘e mala vita” sono davvero famosi cos come quelli presenti nella sceneggiata I Figlie (1930), “Signo’ ‘e figlie sai cheso’ so’ piezz’ ‘e core e nun sanno lassa. Chesto l’ ’e fatto tu ca si signore ma nu pezzente chesto nun ‘o fa” o ancora ‘O Zappatore di Bovio-Albano, 1929, “Si zappo a terra chesto te fa onore, addonocchiate e vaseme sti mane”. Ricordiamo poi Surriento gentile di Enzo Lucio Murolo; Core forestiero di Oscar di Majo; ‘O sole mio di Gaspere di Maio; ‘O Zappatore e Tarantella scugnizza di Raffaele Chiurazzi.

(tm)

La sceneggiata napoletana | La sceneggiata (II) | La sceneggiata cinematografica

Tu sei qui: Home > Napoli > Cultura > Teatro > La sceneggiata (II)