Totonno ‘e Quagliarella

Totonno ‘e Quagliarella fu scritta nel 1919 da Giovanni Capurro (1859-1920), una canzone dalla durata di circa 3’25’’, musicata da Francesco Buongiovanni (1872-1940). Capurro fu autore tra l’altro della celebre canzone ‘O sole mio scritta nel 1898 e autore di comiche macchiette che riscossero un notevolissimo successo nel teatro di variet. Molte canzoni, interpretate dai pi autorevoli comici macchiettisti, si sono diffuse in tutta Europa grazie ad alcune importanti compagnie teatrali, come ad esempio quella di Don Rafele, ossia Raffaele Viviani e quella di Nino Taranto, oppure grazie alla bravura del macchiettista napoletano Nicola Maldacea. Il testo di Totonno ‘e Quagliarella, fu interpretato per la prima volta da Peppino Villani e in questa canzone c’ una filosofia un po’ amara e realistica sull’ esistenza umana, ma tuttavia si avverte in essa una morale positiva e un’energia vitale. Il protagonista Totonno, infatti un ubriaco filosofo che sebbene ha vissuto diverse sventure non si abbatte, ma si accontenta di quel poco che la vita gli offre e di fronte alle innumerevole difficolt, lui adotta la tecnica “dell’arrangiarsi”, che poi una concezione di vita tipicamente napoletana. Secondo un aneddoto Capurro scrisse la canzone Totonno ‘e Quagliarella dopo aver conosciuto un singolare avventore in una taverna di Napoli, il quale mostrava degli atteggiamenti un po' strani.

Citiamo qualche verso per meglio capire la figura di questo personaggio popolare:

Facite comm'a me, senza timore:
cuffjo pure 'a morte e 'a piglio a risa...
Io s' cuntento meglio 'e nu signore
pecch tengo una faccia e una cammisa...[  ]

[  ] I' faccio ogne arte e ghisco p''a campata!
Si p''a lucanna, sott'a nu bancone,
se dorme frisco e pu' pass 'a nuttata...

Riguardo ttaffiatorio,
mm''a scorcio bona 'a mneca
e add' se vnne 'aglineca,
truvate sempe a me!

Menammo tutto a buordo
fintanto ca se campa:
Dimane, forze, 'a lampa
se putarra stut... [  ]

Fate come me, senza timore:
prendo in giro anche la morte e la butto in ridere…
io sono contento pi di un signore
perch ho una faccia e una camicia…[  ]

[  ] Io faccio tutti i mestieri e lavoro per vivere!
Se per l'alloggio, sotto un banco,
si dorme al fresco e puoi passare la notte…

Per quanto riguarda il bere
sono sempre pronto e dove c' il miglior vino,
mi trovate sempre l!

Buttiamo tutto a bordo
finch si vive:
Domani, forse, il lumicino
potrebbe spegnersi… [  ]

(tm)

Ritorna all’introduzione del Teatro popolare

Tu sei qui: Home > Napoli > Cultura > Teatro > Teatro popolare > Le macchiette di Viviani > Totonno ‘e Quagliarella