Il teatro e la festa di Carnevale (2)

Un po’ di Storia…

Le origini del Carnevale vengono fatte risalire alla festa romana dei Saturnalia (in onore del Dio Saturno) e dei Lupercalia (in onore del Dio Pane, festivit celebrata nel mese di febbraio). Pertanto i festeggiamenti affondano le radici negli antichi riti pagani, in un periodo storico anteriore al Cristianesimo, dove il Carnevale era considerato una festa con forti valenze simboliche legate al mondo agricolo-pastorale, in quanto si celebrava la fine dell’anno vecchio e l’inizio del nuovo. Infatti attraverso una particolare cerimonia in maschera, si salutava la fine dell’inverno e l’arrivo della primavera, la quale, secondo le credenze popolari, dava vita ad un ciclo di stagione opulenta, feconda e fertile per la terra, assicurando ottimi raccolti.

Ad ogni modo durante l’epoca Medioevale che il Carnevale assume delle connotazioni pi precise. Il Carnevale medioevale, stato definito dagli storici e sociologi come la “festa dei folli”; si attuavano festeggiamenti trasgressivi, baldorie senza limiti morali, si consumavano lauti pasti, ecc. In seguito, nell’et della Controriforma, il Carnevale ha subito varie resistenze da parte della Chiesa e da parte dei diversi ordini religiosi.
Va precisato che la rappresentazione teatrale durante la prima met del Cinquecento, non ancora teatro, l’esibizione si svolge ovunque, poich lo spettacolo non ha ancora un proprio luogo, una propria caratterizzazione o una propria struttura tipica. Se lo spettacolo nel corso del Cinquecento non ha un proprio luogo, ha per un proprio tempo: <<il tempo della festa del Carnevale>>.

Le compagnie dei guitti pi fortunate, durante la Controriforma riescono a salvarsi dalla censura ecclesiastica grazie alla protezione ricevuta da parte dei potenti; mentre quelle meno fortunate, sono costrette a spostarsi da una citt all’altra, da una piazza all’altra, per mettere in scena i propri costumi e i propri drammi carnevaleschi. Gli attori in maschera, quelli privilegiati, sono poi tenuti a mettere la loro arte al servizio dei mecenati, si esibiscono davanti ad una corte di un lite privilegiata e organizzano spettacoli nelle suntuose sale dei palazzi rinascimentali, nei giardini principeschi e nelle regie dei magnati. Va dunque precisato che il Carnevale nel Cinquecento era una prerogativa dei soli nobili, e tale festa si estese immediatamente in tutta la nostra Penisola, favorendo la nascita e lo sviluppo di splendide scenografie, di maschere regionali e soprattutto, come abbiamo poc’anzi visto, la diffusione delle compagni girovaghe.
In seguito nel corso del Seicento il Carnevale diventa una festa popolare, e le maschere della Commedia dell’Arte stabilendo sempre pi un diretto contatto con la realt <<bassa e volgare>>, adottano il linguaggio dialettale-popolare della loro regione d’origine; cos il servo Pulcinella rappresenta Napoli, il servo Arlecchino la regione bergamasca, Pantalone la citt di Venezia, Gianduia la societ torinese, Meneghino la citt di Milano, ecc.

Che significa “Carnevale”

La festa del Carnevale, nei paesi Cattolici, compresa tra il periodo dell’Epifania e la Quaresima, e termina nei giorni grassi, dal gioved al marted. Infatti, Carnevale deriva dal latino “Carnem levare”, che significa “levare - togliere la carne” e durante il periodo quaresimale, secondo la tradizione, i cattolici devono astenersi dal cibo per quaranta giorni, poich bisogna prepararsi al digiuno per la Pasqua. A seconda poi, delle altre culture, la festa carnascialesca pu avere inizio a Capodanno o alla Candelora (2 febbraio) e termina sempre nei famosi giorni grassi prima delle Ceneri.
Il giorno in cui si festeggia il Carnevale fissato dalle autorit ecclesiastiche e il Carnevale indice di trasgressione, una festa in cui l’intero popolo fa baldoria, si d al travestimento, alla beffa, al divertimento, allo schiamazzo, al ballo, alla musica, ai vari e diversi generi di costumi, di vestiti e mascherine.

(tm)

Il teatro e la festa di Carnevale >
Un po’ di storia e significato di “Carnevale” | L’importanza della maschera. Ritornelli e motti

Tu sei qui: Home > Napoli > Cultura > Teatro > Il Carnevale nel Teatro > Storia